Volte Cupole Soffitti, l'arte con lo sguardo all'insù

Nuova ricerca

Province:

Piacenza

  • Palazzi in arrivo!

Parma

Reggio Emilia

  • Palazzi in arrivo!

Modena

  • Palazzi in arrivo!

Bologna

Ferrara

Ravenna

Forlì Cesena

Rimini

  • Palazzi in arrivo!

Ricerca per:

Autore:

Secolo:

Tipologia:

Proprietà:

Percorsi:

Home > Castello di Torrechiara > Sala degli Stemmi

I Particolari

  1. particolare

Il Soffitto

Tipologia: Affresco

Data: XVI-XVIII

Cenni:

la grande sala che occupa l’intero lato nord-orientale del piano terreno, fra la Torre della Camera d’Oro e la Torre del Leone, era probabilmente lo spazio di rappresentanza del castello, utilizzato per banchetti ufficiali e ricevimenti. Deve il nome agli otto stemmi che ornano le pareti, fra cui sono riconoscibili quelli di Papa Giulio III del Monte (1550-1555); di Papa Pio IV Medici (1559-1568); di Papa Paolo III Farnese (1534-1549) e di Papa Gregorio XIII Boncompagni (1572-1585). Gli altri stemmi non identificati sono quasi certamente attribuibili ad alti prelati appartenenti alla famiglia Sforza, all’epoca proprietaria del castello.

Descrizione:

la volta, lunga e ribassata, è suddivisa in quattro parti, in corrispondenza delle tre aperture verso lo spalto di nord-est e dell’unica, centrale, verso la corte. A differenza delle lunette, che presentano motivi a grottesca entro ricche cornici, la superficie della volta è dipinta a finte architetture: balaustre sorrette da colonnati fortemente scorciati che creano un effetto prospettico dilatato verso l’alto. Nei riquadri di cielo aperto su cui si aprono le balaustre, volano quattro angeli recanti armi e scudi, simboli di vittoria a celebrazione del potere della famiglia.